Image 03 Image 03 Image 03

FOLLA IMMENSA PER BARESI A BELLUNO

14 febbraio 2013
FOLLA IMMENSA PER BARESI A BELLUNO

Belluno, 14/02/2013 – E’stata una grandissima serata quella che si è svolta ieri sera a Belluno con l’arrivo di Franco Baresi in città. Il capitano rossonero è giunto verso le cinque e mezza al Polisportivo, dove ha firmato autografi ai numerosi appassionati arrivati al centro sportivo per acclamarlo. Successivamente ci si è trasferiti sul campo, dove la società gialloblu aveva sgombrato dalla neve un piccolo campo da gioco per permettere ai ragazzi dell’A.C. Belluno di svolgere una partitella e il calcio d’inizio è stato dato proprio dall’ex capitano rossonero. Alla manifestazione erano presenti moltissimi giovani, ma anche genitori che hanno avuto la fortuna di veder giocare Franco Baresi e ripercorrere insieme a lui i venti anni di carriera nella prima squadra dell’A.C. Milan, da quel lontano 23 aprile 1978 (Verona – Milan) nel quale Nils Liedholm lo fece debuttare in serie A.
Prima di raggiungere il Centro Giovanni XXIII Baresi si è intrattenuto nella sede del Settore Giovanile con il Presidente Carbonari, il responsabile del settore giovanile Lorenzo Cresta e alcuni componenti del Consiglio di Amministrazione. Il capitano rossonero, a testimonianza della grande considerazione del lavoro effettuato dall’A.C. Belluno, ha consegnato una scarpa da calcio da lui autografata e un’altra contrassegnata dalle firme di Ambrosini, capitano attuale, ed El Shaarawy. Il consigliere Andrea Biasiotto ha donato a Baresi una bottiglia del vino che produce la sua azienda.
A causa della forte affluenza al centro Giovanni XXIII, la conferenza è stata spostata nel Teatro e, dopo il saluto istituzionale del Sindaco Jacopo Massaro, il Presidente Carbonari ha fatto gli onori di casa. Successivamente Lorenzo Cresta ha illustrato i passi compiuti dal sodalizio gialloblu nel corso del primo anno di collaborazione nel progetto Scuola Calcio Milan coinvolgendo Franco Baresi, il quale ha raccontato aneddoti della sua crescita sportiva, dal debutto in Prima Squadra a soli 17 anni, passando per gli anni difficili della Serie B e finendo con le tantissime vittorie conseguite con l’arrivo del Presidente Berlusconi. Molti i consigli che Baresi ha voluto dare ai ragazzi presenti. Il più importante sicuramente quello di impegnarsi duramente sul campo e seguire i suggerimenti che vengono dati dalle persone più mature, volendo arrivare il più in alto possibile, perché come dice lui “ogni tanto i sogni si realizzano”.

Franco Baresi: “Sono molto felice di essere venuto qui a Belluno,” spiega l’ex capitano rossonero. “L’A.C. Milan investe moltissimo sul settore giovanile e sulle Scuole Calcio Milan. Belluno ha saputo ritagliarsi uno spazio importante nel progetto scuola calcio e l’accoglienza ricevuta(prima volta di Baresi nella città di belluno) testimonia la serietà della società e l’impegno intrapreso dalla dirigenza. Io ho avuto la fortuna di giocare con grandissimi campioni e spero proprio che qualche ragazzo del vivaio gialloblu possa raggiungere i successi che ho avuto io nella mia vita sportiva. A tutti i ragazzi che iniziano a giocare dico solamente di impegnarsi e ascoltare i consigli degli allenatori. Senza sacrifici e duro lavoro non si possono raggiungere i propri sogni.”

Sergio Carbonari: “Per noi è un grandissimo onore avere avuto nella nostra città Franco Baresi,”spiega il Presidente gialloblu. “Per tutti quelli che hanno avuto la fortuna di vederlo giocare sanno che Baresi è stato un modello, sia fuori che dentro il campo da gioco.

Lorenzo Cresta: “ La giornata di oggi deve inorgoglire tutti coloro che amano il Belluno. Franco Baresi è un grande campione e averlo avuto nostro ospite è la testimonianza di come il lavoro del settore giovanile e di tutti coloro che ne fanno parte sia stimato e apprezzato,” spiega il responsabile del settore giovanile gialloblu.

Vi ricordiamo inoltre che lunedì in prima serata su Telebelluno sarà possibile vedere la puntata speciale di “Belluno Calcio in Rete” dedicata a Baresi e ai nostri ragazzi.